Prestiti per giovani

I prestiti per giovani sono una formula di finanziamento molto diffusa.

Chi termina il ciclo di studi infatti, si ritrova a tu per tu con una realtà piuttosto dura come quella contemporanea. Riuscire ad avviare un’attività o acquistare una propria abitazione, sono compiti pressoché impossibili al giorno d’oggi.

Per fortuna, istituti e banche offrono alcune particolari tipologie di finanziamento ai soggetti che rientrano in una determinata fascia d’età.

In questo articolo analizzeremo proprio i prestiti indirizzati verso questo particolare tipo di persone, andando a comprenderne il funzionamento così come i vantaggi che essi comportano per il creditore.

Prestiti per giovani, come funzionano?

Sia per quanto concerne iniziative a livello statale che riguardo i singoli istituti, esistono diverse formule vantaggiose per ragazze e ragazzi che non hanno raggiunto i 35 anni di età. Sotto questo punto di vista però, va fatta una distinzione a priori.

Nel primo caso, si parla di agevolazioni a livello di credito per quanto riguarda l’imprenditoria giovanile, mirate all’apertura di nuove imprese. In questo caso, grazie anche a sgravi fiscali e altri vantaggi, banche e governo cercano di facilitare l’avvio di attività da parte di giovani.

Nel secondo caso, ci si può riferire a prestiti per giovani come normali formule di finanziamento, indirizzate all’acquisto di un immobile e alla conseguente possibilità di costruire un proprio nucleo familiare.

I prestiti per giovani imprenditori

Questo tipo di finanziamento si focalizza sugli imprenditori con età inferiore ai 35 anni e alle donne. Chi rientra in queste categorie di soggetto e intende avviare un’attività, può godere di svariati vantaggi.

Ovviamente, per poter ottenere il finanziamento, è indispensabile avere un progetto concreto che riguardi l’apertura di una qualunque forma di società, sia essa sas, snc o Spa. In fase di apertura poi, è possibile ottenere cifre che, per quanto contenute, si vanno a sommare ai diversi sgravi fiscali offerti dallo stato.

Quando ci si riferisce ai prestiti per giovani imprenditori infatti, le cifre sono contenute che difficilmente raggiungono cifre considerevoli. In tal senso, chi intende avviarsi verso una carriera imprenditoriale può affidarsi, per esempio, a prestiti regionali o europei a fondo perduto. Queste formule di credito agevolato, non richiedono la restituzione del capitale e sono dunque potenzialmente un ottimo trampolino di lancio per chi intende aprire una propria attività.

Un’alternativa degna d’attenzione è senza dubbio il prestito d’onore. Si tratta di una formula di finanziamento particolare, attuabile da giovani neo laureati e disoccupati che intendono avviare una carriera professionale come imprenditori, con la chiara intenzione di creare in futuro nuovi posti di lavoro.

Attraverso il prestito d’onore dunque, è possibile ottenere un assegno a fondo perduto, restituito all’emittente con rate dai tassi d’interesse particolarmente agevolati.

Cosa serve per ottenere prestiti per giovani imprenditori?

Dovendosi rivolgere a singoli istituti bancari, è difficile delineare con precisione quali sono i requisiti specifici. Ad ogni modo, l’età del richiedente deve essere inclusa tra i 18 e i 35 anni. In molti casi, chi emette il finanziamento vuole avere anche prove concrete del progetto che si intende avviare.

Per quanto riguarda la documentazione poi, è pressoché nella totalità dei casi, richiesto un documento d’identità in corso di validità e il codice fiscale. Inoltre, avere delle garanzie come bene immobili di proprietà, può garantire un “bonus” ulteriore per ottenere il finanziamento in questione.

Prestiti generici

Un giovane dipendente, libero professionista o disoccupato, può richiedere dei finanziamenti con qualche vantaggio in virtù della propria età? Anche chi non intende diventare un imprenditore può giovare di alcuni prestiti vantaggiosi.

Diverse banche e istituti finanziari infatti, propongono tassi agevolati per chi rientra nella fascia d’età suddetta. Ovviamente, la formula non si discosta più di tanto dai classici prestiti, se non per alcune condizioni leggermente più favorevoli.

Prestiti giovani: convengono realmente?

Nell’ambito italiano, aprire una propria attività è estremamente difficile se non pericoloso sotto il punto di vista economico. I finanziamenti per giovani, in questo senso, rappresentano un tentativo (più o meno concreto), di spingere le nuove generazioni verso l’imprenditoria.

Se è vero che gli imprenditori sono tartassati da tasse, questa tipologia di prestito aiuta chi si avvicina al mondo del lavoro ad avere un inserimento meno traumatico. Pertanto, a patto di avere un progetto concreto da cui partire, queste formule di finanziamento possono comunque costituire un ottimo trampolino di lancio per gli uomini d’affari del futuro.

Non abbiamo trovato nulla

Sembra che non siamo in grado di trovare quello che stai cercando. Forse la ricerca può aiutare.